tabacchi fc, ovvero tabacchi football club, ovvero tabacchi fancazzisti, ovvero un blog creato da quelli che si ritrovano la sera a giocare a calcetto nel parco tabacchi, quello spicchio di verde fra via tabacchi (appunto) e via giambologna, a Milano. Ovvero un contenitore per metterci tutto quello che ci passa per la testa...

domenica, aprile 24, 2011



ci sono situazioni che non riesco a concepire, che non capisco, e spero di non capire, perchè farlo vorrebbe dire averle vissute... ci sono dinamiche familiari che raggiungono l'imponderabile, l'inimmaginabile, e che il tempo inasprisce anziché alleviare... e ci sono relazioni affettive che si trasformano in condanne rendendo il legame di parentela una pena infinita...
ma ci sono anche famiglie che nella povertà riescono a tirare avanti, unire gli sforzi, colmare con l'amore le mancanze materiali, e rafforzare il legame anche se i parenti più cari devono abbandonare la terra natale e perdersi nel mondo, i fratelli sono costretti a lunghe permanenze lontano da casa, i figli si ritrovano bambini lavoratori in un mondo di uomini... ci sono famiglie che nonostante le difficoltà, le distanze, i problemi rimangono unite perchè sono l'una il sangue dell'altra... ma questo spesso non è sufficiente, le dure prove che la vita riserva non sempre bastano a saldare il legame, molto più spesso i rapporti si inaridiscono, i caratteri si scontrano, le incomprensioni prendono il sopravvento, e tutto finisce.


e così mi ritrovo imparentato con persone che non ho mai visto, persone che non mi vogliono conoscere, persone che hanno escluso dalle loro vite un ramo della famiglia, perchè qualcosa si è rotto, perchè qualcuno ha detto una parola di troppo, perchè il perdono non è un'opzione... e tutto questo potrebbe essere accettabile, anche se personalmente mi è difficile, se non fosse che prima o poi questi legami saltano fuori, e se non sono le persone è la legge che ne reclama la solennità, trasformandoli in vincoli. E così la morte di un perfetto sconosciuto ti catapulta in una realtà di cui ignoravi l'esistenza, e anche se in quella vita non hai mai avuto alcun ruolo sei sicuro che non ne avrai altro che problemi. Ti può capitare, come mi è capitato, di ricevere una telefonata da qualcuno che ti avvisa che un tuo parente è morto (da quasi due mesi) e che ti chiede se per cortesia puoi fare la rinuncia all'eredità cosicché lei possa vendere la moto e la macchina (e già che ci sei potresti andarti a prendere il cadavere all'obitorio ed organizzare/pagare il funerale). Così pensi di telefonare ai fratelli, a chi quell'uomo l'ha visto crescere, sperando che la morte appiana ogni questione, e invece no, ti ritrovi un muro di ghiaccio, non c'è compassione, a nessuno interessa il cadavere di un povero vecchio, ma se c'è qualcosa da spartire allora sì, un'altra telefonata è ben accetta, anzi no, meglio un bonifico... al che tu per pietà cristiana (umanità) decidi di dare una sepoltura ad un perfetto sconosciuto, un uomo che tanti anni prima era stato il fratello di tua nonna, una persona con un passato, un passato da cui ora ti devi tutelare, perchè proprio non ne sai nulla, e forse quello che scoprirai non ti piacerà... sembra ridicolo ma è proprio così, la legge è capace di irrompere nella tua esistenza sconvolgendola, pur non avendo compiuto alcun atto... e così per toglierti dall'impiccio devi ricorrere all'avvocato, perchè purtroppo non c'è nulla da fare, oltre che cornuto devi anche essere mazziato.

questa vicenda mi ha fatto pensare, mi ha fatto realizzare come la morte di un parente possa lasciarti indifferente, come ciò che per me avrebbe dovuto saldare un rapporto per altri non è stato sufficiente, come certi familiari possano sorprenderti negativamente, come voglio bene a mia sorella e spero di averla sempre al mio fianco. y

clxqp: joe r. lansdale - "la sottile linea scura"

2 Commenti:

Blogger tabacchifc ha detto...

p.s. una particolare menzione va a carlo capponi, un mr. nessuno, un personaggio televisivo, un famoso per caso, uno che aveva avuto più di quanto potesse immaginare, e al quale la vita finalmente cominciava ad arridire, una persona che non ho mai incontrato, mai conosciuto, mai veramente apprezzato, ma la cui morte mi ha lasciato perplesso, strappandomi quella lacrima che non ero riuscito a spendere neanche per un lontano (e ignoto) parente... y

7:12 PM

 
Blogger tabacchifc ha detto...

posso capire come i rami di una famiglia possano separarsi, a volte perdersi, a volte per i motivi più disparati far scendere il gelo nei propri rapporti, perché alcune ferite sono dolorose da riaprire. quello che capisco meno è la grettezza avida, l'assenza di responsabilità, la mancanza di umanità (non necessariamente cristiana: umanità e basta) intorno alla morte di una persona, così come le denunci nel tuo post... ma in realtà è un discorso estendibile molto in generale, che va ben oltre le dinamiche familiari.
devo ammettere che ho dovuto fare delle ricerche su internet per sapere chi era questo sig. capponi. f

4:19 PM

 

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

<< Home page