tabacchi fc, ovvero tabacchi football club, ovvero tabacchi fancazzisti, ovvero un blog creato da quelli che si ritrovano la sera a giocare a calcetto nel parco tabacchi, quello spicchio di verde fra via tabacchi (appunto) e via giambologna, a Milano. Ovvero un contenitore per metterci tutto quello che ci passa per la testa...

martedì, novembre 21, 2006

qualcuno si lamenta dello stato di abbandono del blog, dice che così non si può andare avanti, nessuno scrive, nessuno commenta, nessuno legge… si sottolinea come a parole si è tutti bravi ma quando poi si tratta di mettere mano alla penna (tastiera) allora sono dolori, non c’è modo di caricare un post neanche sotto minaccia…. che fare? qualcuno vocifera che per sopravvivere bisogna accogliere nuove leve, si devono inserire in squadra nuovi elementi, insomma, gettare la nostra creatura in pasto ai lupi, snaturando lo spirito dei padri fondatori… io non ci sto! GIAMMAI, piuttosto la morte, come ti ho creato ti distruggo, non sono disposto ad assistere inerme allo scempio, sei nato a primavera e perirai il primo giorno d’inverno!
Dopo aver rivendicato il mio titolo e i diritti ad esso connessi posso rivestire i panni della sobrietà e scrivere qualcosa di pregnante, anche se purtroppo la verità è che sto vivendo un personale impoverimento culturale, e la latitanza sul blog ne è una diretta conseguenza. Tuttavia ieri sera una bella chiacchierata mi ha fatto venire in mente come alcuni soggetti si prestino bene per una breve presentazione… vi potrei parlare delle profezie dell’oracolo, del mio primo acquisto on-line, di come si pianti un’albero o dei preparativi per l’imminente compleanno di Milla, ma perché farlo quando c’è da raccontare la favola di “f”….. no, non sarò così bastardo, anche perché chi ha vissuto certe cose sulla sua pelle non può dimenticare, ne scherzarci sopra, ma un appunto volevo farlo, siamo vicini ad apporre la parola fine, anche se conoscendo il protagonista poco ci credo, l’inguaribile ottimista dell’Unieuro non demorderà tanto facilmente! A questo punto credo di essermi dilungato abbastanza, ho scritto troppo, per la precisione tanto fumo e niente arrosto, cmq ho lasciato il segno! y*

1 Commenti:

Blogger tabacchifc ha detto...

ma il rivolo di sangue che cola dovrebbe essere il mio? dovrei essere io quello sgranocchiato senza pietà dalle fauci fameliche di una femmina ammaliatrice? dilaniato e masticato dai suoi canini e molari? assaggiato per intuirne il sapore e sputato appena il boccone può diventare indigesto? beh si, in effetti potrei essere io. cavolo, non ci sono più le favole di una volta, con il lieto fine. comunque anche l'ottimista dell'unieuro deve demordere e capitolare difronte all'evidenza, e non aspettandosi davvero più nulla neanche dall'ultimo tentativo di stabilire un contatto, ha ormai già deciso da molto tempo (poco più di una settimana) di apporre la parola fine su questa storia sconclusionata. resta in attesa di un nuovo giro sulle montagne russe. o di nuove fauci. per il resto siano benvenuti i lupi che scrivono, i post fumosi e le belle donne che compiono gli anni. siano maledette, invece, le profezie dell'oracolo, specialmente quando poi si avverano... f

11:42 PM

 

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

<< Home page