tabacchi fc, ovvero tabacchi football club, ovvero tabacchi fancazzisti, ovvero un blog creato da quelli che si ritrovano la sera a giocare a calcetto nel parco tabacchi, quello spicchio di verde fra via tabacchi (appunto) e via giambologna, a Milano. Ovvero un contenitore per metterci tutto quello che ci passa per la testa...

domenica, aprile 29, 2007




la prima sorpresa è che abbiamo i posti migliori: possiamo goderci il concerto stando in piedi difronte al palco. la seconda è che l'eta media è più bassa di quello che pensavo: certo non mancano quelli che erano già fedeli discepoli dylaniati negli anni sessanta, ma ci sono anche molti giovani. noi, comunque, mi pare che abbassiamo la media. la terza sorpresa è che il forum, pur non essendo completamente pieno, offre lo stesso un ottimo colpo d'occhio. di sicuro c'è più gente che ultimamente a vedere l'olimpia.
il cappello bianco non basta a nascondere che dylan non è più il tizio sfocato enigmatico imbronciato della copertina di blonde on blonde. la sua voce è invecchiata con lui, ma non è necessariamente un male: dal vivo è più che mai scura, sporca, graffiata, ruvida, e regala ai nuovi pezzi un'intensità molto particolare. però ci vogliono quattro o cinque canzoni prima di vederlo suonare l'armonica. visto che mi considero un grande armonicista incompreso, un talento puro secondo in effetti soltanto al vecchio bob, osservo bene tutti i suoi movimenti, dove inspira, dove soffia, e per quanto tempo, con l'idea che la prima cosa che farò una volta tornato a casa sarà quella di imboccare il mio fedele strumento e di ricreare la stessa magia.
a poco a poco ci si perde nelle canzoni: la voce di dylan è cartavetro, gratta via la zavorra dai pensieri, che si alzano da terra e iniziano a vagare, mescolando fantasia e futuro. fuggono e si attorcigliano tutti su questo mio presente di promesse da mantenere, che nel frattempo si ostina a battere il tempo con il piede.
poi improvvisamente parte like a rolling stone, e da sola vale il biglietto: stravolta nell'arrangiamento, devastata e irruvidita dalla voce, è quasi irriconoscibile. quasi, perchè parte il primo how does it feel del ritornello e il pubblico risponde e canta: sembrano tutti dire "era ora!".
perchè in effetti, bob, cazzo, vabbè promuovere l'ultimo album, però potevi farci qualche pezzo classico in più! passi blowin' in the wind che ormai immagino la odierai a morte ma una romance in durango, o una rainy day women #12 & 35, o una subterranean homesick blues potevi farcele. dovevi farmi i want you, perchè ci stava bene in questo mio periodo. honey i want you, so bad! bah, forse meno imbronciato del solito, ma enigmatico e sfocato io lo sono sempre...
ancora un paio di pezzi e il concerto finisce, e io e rob usciamo a cercare gli amici che non ce l'hanno fatta a entrare. il resto sono chiacchiere, e quando arrivo a casa sono ormai le tre e mezza. tutti dormono. troppo tardi per l'armonica: aspetterò domani per suonare. f

1 Commenti:

Blogger tabacchifc ha detto...

ho scovato su internet la scaletta di questo concerto... i classici in realtà sono stati tanti! boh, o erano loro ad essere completamente stravolti, nell'arrangiamento e nella voce, da risultare davvero irriconoscibili, o ero io ad esserlo, stravolto, e distratto da altri pensieri ispirati dalla musica! desolation row e it’s alright, ma (i’m only bleeding) sono fra l'altro fra le mie preferite! altre ne avevo intuite, ma scombinate così, senza saperle perfettamente a memoria, non ne ero sicurissimo. urge un riascolto dell'intera discografia (almeno quella che possiedo, da the freewheelin' a blonde on blonde)! f

12:40 PM

 

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

<< Home page