tabacchi fc, ovvero tabacchi football club, ovvero tabacchi fancazzisti, ovvero un blog creato da quelli che si ritrovano la sera a giocare a calcetto nel parco tabacchi, quello spicchio di verde fra via tabacchi (appunto) e via giambologna, a Milano. Ovvero un contenitore per metterci tutto quello che ci passa per la testa...

mercoledì, novembre 12, 2008





amsterdam, si dice, è la città del peccato, e chi è senza peccato scagli la prima pietra. amsterdam è l'ostello cristiano di fianco alle ragazze in vetrina, ed è meglio non percorrere le vie traverse. amsterdam è lasciarsi incastrare, commentare la bibbia, caffè caldo e biscotti alla cannella. amsterdam è una cuccetta troppo stretta e un letto troppo alto, topi in cucina, un gatto giocherellone che ha di meglio da fare. è un cane che mi ringhia a due centimetri dal naso e io penso cazzo, sta lontano dal mio zaino, adesso mi beccano. amsterdam è alte casette addossate l'una all'altra, e tutte quante addossate ai canali, un intenso acre odore di canna ad ogni angolo, semi che non cresceranno mai, e sconfinate sinuose saettanti spericolate biciclette. amsterdam è una breve pennellata vigorosa che si fa materia ed esce dal quadro, campi di grano, migliaia di bulbi, tulipani e girasoli, è il blu profondo del cielo che si taglia un orecchio. amsterdam è perdere a ping pong, perdere a scacchi, perdersi in chiacchiere con un'ostinata americana che non ne vuole proprio sapere di considerare obama come una speranza. è un pankeikkonen con lo sciroppo d'acero, è italianen zempre fare kazinen e poi parlare in questo modo per un sacco di tempo, è una notte resa bianca dall'aria condizionata, e chiacchierare con un tizio senza scarpe che suona la chitarra sul treno alle tre di notte. amsterdam è un negozio di dischi usati così bello da far concorrenza al libraccio, è parlare della musica di un tempo vissuta nel suo tempo, è una bistecca argentina e un involtino primavera, è finalmente un maoz, ma troppo piccolo per potercisi sedere. amsterdam sono tre x che chissà cosa diavolo significano, è il gol di van basten nella finale dell'ottantotto, è due righe nere verticali a indovinare proprio tutto. amsterdam è un parco infreddolito, i colori dell'autunno, chiese chiuse, case sull'acqua, case senza tende, acqua costellata di placidi cigni indifferenti e una buonissima appelflop. amsterdam è tre amici di nuovo in viaggio e una meta finalmente raggiunta. f

csxqp: green day - "good riddance (time of your life)"

1 Commenti:

Blogger tabacchifc ha detto...

descrizone impeccabile e onirica, come sempre. y*

4:03 PM

 

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

<< Home page