tabacchi fc, ovvero tabacchi football club, ovvero tabacchi fancazzisti, ovvero un blog creato da quelli che si ritrovano la sera a giocare a calcetto nel parco tabacchi, quello spicchio di verde fra via tabacchi (appunto) e via giambologna, a Milano. Ovvero un contenitore per metterci tutto quello che ci passa per la testa...

mercoledì, ottobre 20, 2010


"Dopo aver ascoltato Ostrica, un bicchiere di latte non è più una deliziosa bevanda in cui inzuppare biscotti al cioccolato. Sono vacche costrette con la forza a farsi ingravidare e imbottire di ormoni. Sono gli inevitabili vitellini destinati a vivere pochi terribili mesi schiacciati in box grandi come una scatola. Una braciola è un maiale sgozzato, dissanguato, appeso a testa in giù con un laccio legato alla zampa per morire tra versi strazianti mentre a colpi di mannaia lo riducono in costine, arrosti e strutto. Persino un uovo sodo è una gallina con le zampe deformate dal tempo trascorso in gabbie larghe poco più di dieci centimetri, tanto strette da non poter muovere le ali, tanto allucinanti da costringere gli allevatori a tagliarle il becco perchè non aggredisca le galline intrappolate affianco. Col becco tagliato e le piume cadute a furia di sfregare conto la gabbia, questa gallina depone uova su uova, finchè le sue ossa non diventano così povere di calcio che al macello si sbriciolano. Sono i polli delle zuppe di pollo, le galline da uova, quelle galline così ammaccate e sfregiate che devono per forza farle a pezzi e cuocerle, perchè vedendole vive in gabbia nessuno se le comprerebbe mai. Sono i polli dei wüster di pollo. Delle crocchette."

avevo letto queste righe tempo addietro, ma avevo voluto farlo velocemente, perchè ne avevo intuito la forza, perchè soffermarsi avrebbe voluto dire riflettere, mettere in discussione certe posizioni, alimentari e non, e così avevo cercato una scappatoia, rapida e indolore, perchè se l'occhio non legge la mente non pensa... però ormai il tarlo mi era entrato, ed a distanza di giorni ho dovuto riprendere questa pagina, per rileggerla, approfondirla, perchè ha lasciato il segno, mi ha obbligato a riflette... y

clxqp: chuck palahniuk - "ninna nanna"

2 Commenti:

Blogger tabacchifc ha detto...

stai forse meditando di diventare vegetariano (o addirittura vegano)? f

11:23 AM

 
Blogger tabacchifc ha detto...

non sono ancora così motivato da fare il grande passo, forse oltre a questo brano sarebbero necessari alcuni filmati ed esperienze sul campo... per il momento voglio semplicemente "limitarmi"... in verità il discorso vegetariano l'ho affrontato e vissuto profondamente in compagnia di una mia cara amica, vegetariana convinta e praticante, e devo dire che non è per nulla semplice... ogni volta che vai al supermercato devi leggerti necessariamente tutte le etichette per scoprire gli ingredienti, perchè anche nelle cose più innocue ci puoi trovare l'inimmaginabile (tipo colla di pesce); poi quando sei in giro è praticamente impossibile avere un'alimentazione che non comprenda materie di origine animale, fra fast food e baracchini non è possibile avere la certezza del contenuto di ciò che mangi; inoltre all'estero i problemi si moltiplicano perchè sei costretto a mangiare dove trovi; infine non puoi utilizzare prodotti testati sugli animali (la quasi totalità) e anche per il vestiario bisogna stare attenti, e se proprio ci credi devi tenerti costantemente informato sulle certificazioni pro animali delle varie aziende. Se a ciò ci aggiungi che cucinare vegetariano richiede molto tempo perchè la lavorazione è lunga e quindi oltre alla voglia bisogna avere un discreto tempo libero, e che sarebbe auspicabile avere uno stipendio non indifferente perchè tutto è maledettamente costoso il quadro è completo.
E' il momento dell'austerity, cercherò di essere morigerato. y

p.s. domani kebap?

3:53 PM

 

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

<< Home page